Come prevenire il cyberbullismo nell'era del Covid-19

Storia successiva

È passato quasi un anno da quando l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato l'epidemia di COVID-19 una pandemia e le persone in tutto il mondo hanno fatto del loro meglio per seguire le direttive regionali e nazionali di limitazione degli spostamenti e alle regole di distanziamento sociale, nella speranza che il mondo possa tornare il prima possibile a una parvenza di normalità.

Intere famiglie sono ora bloccate all'interno delle proprie case, con la maggior parte delle attività quotidiane che si svolgono dietro gli schermi dei loro dispositivi. Sebbene sia impegnativo per tutti, si potrebbe sostenere che affrontare la nuova realtà è particolarmente impegnativo per i bambini, dal momento che stanno perdendo una parte essenziale della crescita nel mondo di oggi.

Dal momento in cui si svegliano fino a quando vanno a dormire, la loro giornata è dominata dal mondo digitale: prendono lezioni online, interagiscono con i loro amici online, consumano grandi quantità di media online e giocano online.

Tuttavia, i professionisti avvertono che trascorrere così tanto tempo online non è solo dannoso per la salute; potrebbe anche esporli a vari tipi di rischi, il principale dei quali è il cyberbullismo. È naturale che sulla scia delle regole della pandemia e distanziamento sociale sia aumentato il rischio di cyberbullismo.

 

Quali sono i segnali del cyberbullismo?

Contrariamente alla credenza popolare, il cyberbullismo non si limita solo ai social media, ma è spesso presente su varie piattaforme e si manifesta in vari modi.

Con i social media, il cyberbullismo potrebbe sembrare innocente a prima vista agli osservatori inesperti, soprattutto quando gli autori mascherano le loro azioni creando meme con battute all'interno di un gruppo sociale comune come i compagni di classe o altri membri di una squadra sportiva, e così via.

In alternativa, il cyberbullismo potrebbe essere nascosto svolgendosi in gruppi privati ​​e chat, con il materiale che viene intenzionalmente fatto trapelare alla vittima. Tutto ciò rende l'atto difficile da rilevare. Tuttavia, spesso i bulli non si preoccupano davvero e denigrano, umiliano e attaccheranno le loro vittime pubblicamente.

Un altro focolaio di cyberbullismo, dove i bambini trascorrono infinite ore, è il gioco online. Mentre la maggior parte delle volte gli attacchi si manifestano sotto forma di insulti, ridicolizzazione delle abilità di gioco o più in generale parolacce , non è l'unico tipo di bullismo che può essere vissuto nelle arene di battaglia online.

Spesso i giocatori sceglieranno la loro vittima e poi si impegneranno a rendere il tempo trascorso nel gioco il più angosciante possibile, uccidendo i loro avatar online più e più volte, o segnalando falsamente il loro comportamento, facendoli così bandire dal gioco.

 

Come prevenire e fermare le molestie online

Bene, prima di tutto gli adulti dovrebbero essere consapevoli dei segnali di pericolo che qualcosa non va bene. Per proteggersi, i bambini possono ridurre drasticamente l'uso dei loro dispositivi, possono diventare lunatici o addirittura eliminare i loro account e crearne di nuovi.

Inoltre, il cyberbullismo non dovrebbe essere affrontato solo dopo il fatto; i genitori dovrebbero avere discussioni attive con i loro figli sul cyberbullismo e altre insidie ​​di Internet. I bambini dovrebbero sapere che possono fidarsi dei genitori e degli insegnanti per i loro problemi e confidarsi con loro. Per buona misura, i genitori possono scegliere di utilizzare il parental control per monitorare ciò che i loro figli fanno online, anche se alcuni potrebbero considerarlo una violazione della privacy dei loro figli.

I bambini dovrebbero essere consapevoli che nessuno merita di essere vittima di bullismo e se vedono qualcuno farsi male, non dovrebbero rimanere in silenzio, ma parlare e parlarne con un adulto responsabile. È anche importante istruire i bambini su come segnalare gli incidenti e che dovrebbero conservare screenshot e registrazioni di eventuali casi di cyberbullismo che hanno vissuto in prima persona o che hanno visto perpetrati contro qualcun altro. Inoltre, dovrebbero anche essere istruiti sui vari strumenti che i social media e le piattaforme di gioco forniscono per segnalare tale comportamento.

Preparati per macOS Big Sur! Aggiorna il tuo prodotto ESET per rimanere protetto con l'ultima versione di macOS.